Lewisia

Altra interessante e semplice pianta è la Lewisia, non ricordo nemmeno più come l’ho scoperta, ma quei fiorellini, che visti da una foto sembrano quasi gommosi, mi hanno incuriosita parecchio, inutile dire che la ricerca è cominciata presto, e la prima l’ho presa al vivaio l’anno scorso, di color rosa chiaro.

E da poco mi ha anche rifiorito. Mi stavo già domandando, come poter fare per farla rifiorire, dato che non accennava a cacciare lo stelo fiorale, finchè…. la sorpresa.

Mentre quest’anno (il periodo migliore per trovarle al vivaio, va dall’autunno alla fine dell’inverno, meglio andarci sempre prima, in tempo, dato che ho provato a domandare a primavera se ne avevano ancora, e c’erano solo i rimasugli) mi ero già preparata in tempo, perchè avevo già deciso di aggiungere qualche altra pianta di Lewisia, dato che i colori da prendere già li avevo in testa; in realtà avevo deciso di prenderne una sola, però come capita spesso, per vivai, (e sul forum di giardinaggio.it ci capiamo benissimo con queste parole XD) si torna a casa sempre con qualcosa in più. E’ più forte di te, vai li, e le piante ti restano attaccate in mano, e alla fine ho portato a casa la Lewisia arancione, che era quella che desideravo…

…e pure la Lewisia fucsia.

DESCRIZIONE DELLE LEWISIA: il nome deriva da Merriwether Lewis.
Fa parte della famiglia delle Portulacaceae, è una succulenta.
Il genere è di circa 20 specie, sono perenni, sempreverdi e anche decidue, scoperte nelle regioni dell’America settentrionale occidentale (California).
Hanno foglie carnose, unite in rosette, e le forme variano molto (per esempio le ultime due che ho preso hanno le foglie differenti dalla prima).
In natura quelle decidue si trovano nei prati e nelle zone sassose,  mentre le sempreverdi tra le rocce e nelle fessure in ombra parziale.
Hanno una decina di fiori riuniti in cima ad un unico stelo (e, da una pianta, gli steli che nascono sono parecchi), con petali lunghi e fini, belli aperti, le mie hanno dai 7 ai 10 petali, mentre quella arancione anche di più, quindi il numero varia molto. Il colore dei petali varia da bianchi, rosa, gialli, arancione, magenta o porpora, e sbocciano a primavera ed estate.
Va benissimo per i giardini rocciosi, nelle aiuole rialzate o nelle crepe dei muri, nelle pareti, soprattutto perché teme il marciume, dato che li le radici sono al fresco, e hanno il drenaggio delle fessure.

Ho raccolto anche i semi, e qui vi mostro come fare, e come sono. Appena il fiore appassisce (non serve aspettare che lo stelo secca completamente, basta che sia già passato del tempo da quando il fiore è appassito), si possono tagliare gli steli sotto i calici. Nella foto 2 si nota il calice con i petali.

I semi, non sono quelli quasi invisibili, ma quelli che sembrano semi di kiwi. Per estrarli basta afferrare il calice da una parte, e i petali dall’altra, dividendoli l’uno dagli altri, e di solito i semi si trovano nella parte inferiore dei petali, basta premere verso il basso con l’unghia, ed escono facilmente.

IMG_0107

In questa foto ci sono i petali, le parti secche sono il calice, e ovviamente i semi.

IMG_0108

Ed ora vi lascio alla coltivazione.


FIORITURA: primavera ed estate


ESPOSIZIONE: piante da ombra leggera. Quelle decidue e gli ibridi vanno bene al sole, quelle sempreverdi all’ombra leggera. Vanno protette dall’umidità invernale. In estate vanno tenute al riparo dalla pioggia eccessiva. Le tengo all’entrata di casa, sotto la tettoia, l’acqua ci arriva, ma quel tanto da annaffiarle il giusto, infatti annaffio pochissimo, nel caso di lunghi periodi senza pioggia.


TEMPERATURA MINIMA: rustica -15°, più che altro bisogna fare attenzione alle massime, il troppo caldo è letale.


TERRENO: sabbioso, ben drenato, moderatamente fertile, ricco di humus, anche con terriccio di foglie. Il pH da neutro ad acido.


ANNAFFIATURA: per le annaffiature mi regolo quando vedo la terra secca del tutto, anche se sta qualche giorno senza acqua non ne soffre, o al massimo se passa molto tempo si vedono le foglie più raggrinzite, e dopo l’annaffiatura diventano belle sode. Nel caso piove non annaffio finchè non asciuga.


CONCIMAZIONE: farla con concime a lenta cessione.


MOLTIPLICAZIONE: Talea.
Semina, ci vogliono da 1 a più anni per germogliare, si mettono in vasetti con terra drenata, da primavera a fine estate, si ibridano facilmente.
Le sempreverdi inoltre per divisione dei germogli, a inizio estate.


PROBLEMI: afidi in serra, limacce e chiocciole all’esterno. Troppa umidità causa marciume del colletto.


ULTERIORI CURE: quando seccano i fiori, e secca completamente anche lo stelo, questo si sfila con molta facilità dalla base, così da eliminare le parti secche con semplicità.

VOTA SU DIGGITA 

Fonti, tratto liberamente da:
>A-Z L’Enciclopedia delle Piante da Giardino, The Royal Horticultural Society, Christopher Brickell, seconda edizione italiana 2012, Mondadori, Verona.

>Enciclopedia del Giardiniere, The Royal Horticultural Society, Christopher Brickell, 2015, Cairo editore, Verona.

Annunci

20 commenti Aggiungi il tuo

  1. Waves ha detto:

    Uuuuu che bell’articolo 🙂 🙂
    e che bella pianta la lewisia 😉
    Sai che mi è successa una cosa strana, magari è solo un’impressione 😀
    Quando ho comprato a febbraio le mie due prime lewisie, erano molto diverse tra loro: una era color salmone, l’altra era proprio fucsia scuro. Beh non sapevo quale mi piacesse più tra le due, e vabè, la situazione è andata avanti fin quando non sono sfiorite e non le ho sapute più distinguere. Poi però è successa una brutta cosa 😀 cioè una delle lewisie mi è rimasta in mano , e questo mi sa che te lo avevo già raccontato.. insomma la fioritura della superstite.. è stata un mix! Non è ne fucsia scuro, ne salmone, è dentro salmone e fuori fucsia.. 😀 sarà stupido però mi ha fatto pensare.. chissà che è successo, magari si sono fuse 🙂 🙂
    Pensieri per aria, niente di serio ma di lewisie prossimo autunno faccio una scorpacciata.
    Garantito! 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Grazie Waves, sempre gentilissima 🙂
      Eh si, la lewisia è proprio particolare.
      Ma sai cosa? Dipende anche dalla posizione, non è una cosa strana, certi fiori cambiano colore in base all’esposizione, come anche le foglie di certe piante, non è raro, anzi.
      Non possono fondersi XD. Al massimo i loro figli da seme possono farlo 🙂 Ma vai tranquilla, sai quanti pensieri e viaggi sulle piante mi faccio anche io? 🙂
      Si, mi avevi raccontato che ti era rimasta la piantina in mano :(. Purtroppo quando le colpiscono marciumi e robe varie, non c’è scampo, a meno che non usi tutte le foglie e steli per farne talee, dico io almeno una prenderà 😀
      Fai bene a prenderne ancora in autunno, non si può rinunciare alla bellezza di avere una Lewisia colorata a casa 🙂

      Mi piace

  2. Waves ha detto:

    Una? No, un centinaio!
    Ha ancora fatto qualche fiore negli ultimi giorni, la adoro proprio 🙂 🙂 🙂 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Si infatti, anche io ho già in mente per il prossimo anno, il colore giallo, e bianco, ma di sicuro o se ne aggiungeranno altre, o un colore al posto di un altro. Il giallo è sicuro però (sempre che non ci sia).
      Hai proprio ragione ad adorarle. :):)

      Mi piace

  3. Giusy ha detto:

    Ciao Federica, mi hai fatto scoprire una pianta che non conoscevo… da provare prossimamente! Ha dei fiori molto belli …spero non sia difficile farla fiorire…ho un’Oscularia deltoides da alcuni anni e non sono mai riuscita a farla fiorire!

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Ciao Giusy :). Mi fa piacere che ti piaccia la piantina 🙂 Assolutamente è da provare si, te la consiglio proprio 🙂
      Si che è semplice, io non ho nemmeno concimato, ed è fiorita da sola :).
      Per l’Oscularia, eh le aizoaceae sono complicate, se non hanno l’ambiente perfetto possono vivere per bene, però la fioritura puoi non vederla. Io ho i lithops da qualche anno ma non hanno fiorito ancora.

      Mi piace

    2. Giusy ha detto:

      Grazie per queste preziose informazioni! Buona domenica 😊

      Liked by 1 persona

    3. Patalano Federica ha detto:

      Ma di nulla. Come la tieni la pianta? In che terreno, esposizione ecc?
      Buona domenica anche a te 🙂

      Mi piace

    4. Giusy ha detto:

      Il terreno è un mix di terreno sabbioso e torba. Esposizione a pieno sole sul rerrazzo

      Mi piace

    5. Patalano Federica ha detto:

      Eccomi Giusy. Allora esposizione va benissimo, come terreno però ti consiglio di aggiungere un po’di terreno di giardino al terreno torboso, ovviamente il tutto deve essere bello drenante. Insomma molti inerti, e che l’acqua quando annaffi arrivi presto ai fori di scolo.

      Liked by 1 persona

    6. Giusy ha detto:

      grazie mille, Federica! Ti terrò aggiornata ❤

      Liked by 1 persona

    7. Patalano Federica ha detto:

      Di nulla Giusy è un piacere :). Ci conto, sappimi dire. 🙂

      Mi piace

  4. Waves ha detto:

    ciao 🙂 ho un piccolo dubbio: la mia è una Lewisia Cotyledon Elise.. e qua http://www.fleuroselect.com/awarded-varieties/elise-it_3800 dicono di seminare a gennaio, con temperature basse… che faccio, semino ora, o aspetto?
    Invece come si fa la divisione dei germogli?
    Grazie mille di tutto 😉 😉

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Ciao Waves :). Ho dato una letta, e infatti dicono che la temperatura deve essere di 20-22°, sicuramente per semina a gennaio intenderanno in serra, e all’esterno più avanti. Come dicono non serve il freddo per germogliare. Come dicevo nell’articolo, la semina va dalla primavera fino a fine estate, e ci vogliono più anni perchè ne esca qualcosa, le ho seminate quest’anno sia con le piante madri, sia in vasi a parte, e per ora non esce ancora niente :).

      Per la divisione dei germogli, basta che guardi la pianta: ha lo stelo principale, e dalla terra, affianco allo stelo principale crescono altri germogli nuovi, quelle piantine li vanno tagliate, tenendo comunque alcune radici (quelle del germoglio) e le pianti in vasi a parte 🙂

      Mi piace

    2. Waves ha detto:

      Grazie!! ho capito 😉
      Ma che polentoni però questi semi 😀
      grazie, dai proverò! 😛

      Liked by 1 persona

    3. Patalano Federica ha detto:

      Di niente. Hai visto che lentoni che sono? Poi se germogliano posso testimoniarlo, per ora zero ancora 🙂
      Tieni in aggiornamento 😀

      Mi piace

  5. Waves ha detto:

    Certo!! 🙂 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...