Mammillaria zeilmanniana: semina

A fine giugno ho preso una Mammillaria Zeilmanniana, assieme a due specie di Echeverie diverse.

IMG_2505

Ho fatto a tempo a far la foto alle pianta, ai tantissimi piccolini che le erano nati affianco dai semini dispersi da lei stessa, e soprattutto alla fioritura. Purtroppo la pianta madre non ce l’ha fatta ed è marcita dopo poco che era a casa.

Non so se è stato un errore mio o aveva già qualcosa dall’acquisto, di sicuro io ho contribuito; l’ho messa sul ripiano ed ho aspettato la luna giusta per il trapianto (quindi troppo tempo) dopo molti giorni ho annaffiato un po’, perchè era al sole e si accasciava, e dopo tempo è morta. Errore che con il terriccio errato che aveva in quel momento, le è stato fatale, oltre al fatto che magari già aveva qualcosa che non andava.


Nel breve tempo che l’ho avuta a casa le ho scattato diverse foto, questa con la miriade di semi che aveva nel mezzo.

IMG_2518


 

Il giorno stesso dell’arrivo (21.06.16) ho recuperato i primi semi caduti intorno e dalla pianta. Ovviamente non sono solo quelli in foto.

IMG_2519

Una volta morta, l’ho tolta da terra e ho salvato i piccoli nati, che ho lasciato un po’di giorni all’aria e ho ripiantato: di quelli ora sono rimasti i due più grandi, purtroppo gli altri erano molto piccoli e non ce l’hanno fatta. Ogni tanto annaffio, ma aspetto che asciughi prima di rifarlo.

IMG_2906

Intanto dal terreno ho recuperato i semi che erano caduti e rimasti li, e i semi in foto (sotto) invece sono i restanti che ho raccolto, dalla pianta madre marcita, il 06.07.16, accuratamente trattati, bicchierino con acqua e con qualche goccia di limone, lasciati per qualche minuto.

IMG_2907

Dopo di che ho seminato, ho fatto 3 diverse semine:

  • 03.07.16 quelli passati nel limone; contenitore messo in serra (c’è più luce)
  • 03.07.16 quelli recuperati dalla terra della pianta ormai andata; sempre in serra
  • 07.07.16 quelli raccolti dalla pianta appena arrivata; contenitore messo in luogo più  ombroso.

Ho usato dei contenitori bassi, con il coperchio (quelli ad esempio in cui si trovano i pomodorini al supermercato), ho preparato un miscuglio di terriccio universale, terriccio per fiori, sabbia e tantissima ghiaia, un composto molto drenante dato che sono piante grasse, ma essendo comunque semine un miscuglio che rimanga più umido di quello per le piante adulte, dato che per i primi tempi ne hanno molto bisogno.

Dopo di che si annaffia con un nebulizzatore, abbondantemente, deve essere sempre umido.


Dopo qualche tempo:

  • 06.07.16 già c’erano i germogli;
  • più o meno allo stesso tempo;
  • 13.07.16 i primi germogli, e in maggior parte.

 

I primi germogli del 13.07

IMG_3158IMG_3159IMG_3160

 

22.07.16

IMG_3409IMG_3410

 

12.08.16

IMG_3741

Proprio pochi giorni fa avevo deciso di tenere sollevato il coperchio, visto dicono di togliere la copertura una volta nati i germogli, io non lo avevo ancora fatto, con nessun semenzale di nessuna pianta grassa, e non lo avessi mai fatto!!! LUMACHE, mi hanno fatto fuori più della metà delle piantine!! Quindi ho coperto di nuovo, che poi avendo usato il contenitore con il tappo che ha già di suo delle fessure, non si crea condensa, quindi finchè non ho la certezza, e finchè non sono belle cresciute la lascio sopra.

Le lumache sono molto ghiotte di piante grasse, su una Rebutia ho trovato un buchetto, e alcune piccole succulente avevano le foglie divorate.

E anche sui forum si trovano informazioni.

 


Detto questo, la semina si fa:

  • dalla primavera in poi, con temperatura sui 20°;
  • con terriccio drenante ma che si mantenga umido;
  • in contenitori con copertura, o vasi coperti con pellicola;
  • una volta nati alcuni consigliano di rimuovere la copertura, altri dicono di aspettare anche un mese, ma se come nel mio caso ha le fessure la lascerei finchè non crescono;
  • l’esposizione delle semine non deve essere subito il pieno sole, ma dove i raggi passano filtrati;
  • prima che nascano, si deve tenere il terriccio umido, annaffiando con nebulizzatore, o immergendo il contenitore in acqua in modo da tenere umido dal basso
  • appena nati i germogli si annaffia dal basso ogni volta che il terriccio asciuga, mai esagerare;
  • è bene trattarli con antifungini;
  • si possono abituare gradualmente a zone più luminose, ma per ora non del tutto al pieno sole;
  • il trapianto si può fare quando le piantine sono cresciutelle, quando hanno almeno un anno, una per vaso.

 

Dopo di che la coltivazione può essere svolta come per le altre cactaceae.


 

Buona semina :mrgreen:

Annunci

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. sidilbradipo1 ha detto:

    Tu vuoi scherza-re con pianta grassottella!?! 😕
    Ho una stessa Mammilla-qualche-cosa comprata all’Esselunga con fiorellino: ho trapiantato in terra normale, non ho inumidito il terreno, pare che il fiorellino rosa stia spuntando… mannaggia, c’ho sbagliato 😀
    Spero di imparare almeno le basi, seguendo il tuo blog!
    Bacio
    Sid

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Ciao 🙂
      Si qui puoi certamente trovare consigli utili, tutto quello che sperimento e imparo negli anni lo pubblico, in modo di riuscire a dare una mano, c’è anche l’articolo sul trapianto delle piante grasse, passo per passo in modo da non sbagliare nulla 🙂
      Bene che sta fiorendo sono molto felice 🙂
      Ciao Sid 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...