Spathiphyllum

Non mi piace parlare di queste piante identificandole come “d’appartamento”, in realtà, nessuna pianta è d’appartamento. Tutte quelle che in inverno vanno tenute obbligatoriamente in casa, per via delle temperature, sono piante che in primavera ed estate stanno benissimo fuori, ma non sono nate per vivere in casa, nel loro habitat di certo non stanno in casa. Comunque sia, noi per necessità dobbiamo tenerle per forza all’interno.


Una piantina che ho modo di coltivare da diversi anni, è proprio questa.

Inizialmente ne avevo tre. Hanno passato di tutto e di più, periodi all’ingresso di casa con pochissima luce, davvero pochissima, e dove si beccavano l’aria fredda quando si apriva, eppure loro erano li. Finchè ora, da un annetto, stanno nelle scale. Dove di luce ce n’è, non troppa ma ce n’è. E sembrano gradire 🙂

img_3843

D’estate le ho anche portate fuori un anno, ma quando le ho rientrate erano tutte bucherellate dalle lumache.

Comunque gradiscono stare all’aperto durante la bella stagione, e così dovrebbe essere per tutte le piante. Per loro un posto a mezzombra, sotto un’altra pianta, va benissimo.


Poi quest’estate ne sono arrivate altre due, che mostrano qui la loro fioritura.

img_3841img_3842

DESCRIZIONE: il nome deriva da “spathe” e “phyllon”, termini greci che stanno per spata e foglia.
Fanno parte della famiglia delle Araceae, e vengono dall’America tropicale (Costa Rica, Panama, Colombia, Venezuela).
E’ una perenne sempreverde, produce rizomi, e da essi si dipartono verdi steli esili, che in cima portano la foglia, dapprima avvolta su se stessa, per poi aprirsi e spandersi.
In primavera ed estate fiorisce, produce sempre l’esile stelo, sulla cui cima si apre il fiore, anch’esso avvolto su stesso, bianco di forma allungata (oblungo-ellittico), con spadice bianco.

Leggermente tossica in ogni sua parte.

Curiosità: E’ una pianta utile, dato che assorbe gli inquinanti, i gas nocivi, purificando l’aria: ammoniaca, alcol etilico, acetone, scarichi biologici.

Di seguito la coltivazione.


FIORITURA: primavera ed estate.


ESPOSIZIONE: vanno messe a mezzombra, magari sotto una pianta grande, preferibilmente esposta a nord. In inverno va messa in luoghi più luminosi. Resiste anche ai luoghi di ombra intensa, e ho avuto modo di testate.


TEMPERATURA MINIMA: minimo 10°. Io in inverno le tengo nelle scale fredde. In primavera-estate si possono mettere fuori all’aperto.


TERRENO: un buon terriccio che trattenga l’umidità, ma al tempo stesso drenato, che dia modo all’acqua di scivolare. Rinvasare quando la pianta occupa tutto il vaso.


ANNAFFIATURA: le piace l’umidità, un terreno umido, ma per annaffiare è  bene aspettare che asciughi, a volte ritrovo le piante tutte accasciate, e appena annaffio si riprendono dopo poco. Nebulizzare ogni tanto. Ed è consigliabile lasciare un sotto vaso con dell’argilla espansa, così che una volta annaffiato l’acqua scende, l’umidità è costante, ma il vaso non è a contatto costantemente con l’acqua.


CONCIMAZIONE: ogni 10 giorni. Se poco concimato si fanno macchie, e bordi ingialliti e rovinati.


MOLTIPLICAZIONE: divisione dei cespi dopo la fioritura o a fine inverno, semina 25° con semi freschi appena maturi, o a primavera.


PROBLEMI: nessuno in particolare. Nel caso si portino all’esterno in estate, le lumache potrebbero ricamarle.


ULTERIORI CURE: eliminare le foglie secche e i fiori secchi regolarmente, tenendola in casa sulle foglie si accumula la polvere, per cui è buona cosa spolverarle.

🙂 Buona coltivazione. E Buone Feste 🙂

Annunci

16 commenti Aggiungi il tuo

  1. ne ho due, una in casa non mi ha mai fiorito, nonostante avesse meravigliose foglie, ora è sul balcone , sotto altre piante, vediamo che succederà una nuova dentro casa, aspetto primavera…..

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Sappimi dire 🙂
      Anche a me un anno non hanno fiorito, poi quest’anno nel luogo in cui stanno ora, una ha fatto un fiore 🙂
      E’ che bisogna testare e trovargli il posto e le condizioni migliori, quando le trovano è fatta 🙂 Speriamo bene anche per la tua 🙂 Che poi quando sono in vendita, poverine, sono forzatissime, con super fioriture.

      Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Son contenta che trovi interessante l’articolo 🙂

      Mi piace

  2. sidilbradipo1 ha detto:

    Ho acquistato recentemente una spathafanina con fiorellini-ini, l’ho messa in cucina sulla credenza, alla luce (mai chiuse le persiane) invernale dell’est e… cresce, cresce e si allarga 😀
    La commessa dell’Esselunga m’ha detto che ama il caldo e la luce: vedremo… 😛
    Bacio festoso ❤
    Sid

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Beh direi che le hai scelto un buonissimo posto 🙂
      Ma sono quelle in miniatura diciamo?
      Si la luce non la disprezzano 🙂 per il caldo dipende, di certo non sopra una stufa :D. A parte ciò si, in estate vanno bene fuori e vegetano allegramente, in inverno invece le metto li nelle scale al fresco, come faccio di solito. E di freddino ce n’è parecchio nelle scale. Però stanno bene dai 🙂
      Bacio festoso anche a te.

      Liked by 1 persona

    2. sidilbradipo1 ha detto:

      Nel corso dei miei esperimenti verdi ho visto che la capacità di adattamento delle piante ha dell’incredibile 😛
      In cucina ho una bouganvillea fucsia: ora è fiorita!
      La mia spathafillina è piccola ma non so se è mini 🙂
      Bacio festoso ❤
      Sid

      Liked by 1 persona

    3. Patalano Federica ha detto:

      Ah le piante sono dei fenomeni! 🙂 hanno capacità sorprendenti.
      Che bello, ha ha 🙂 la bouga fioritura ora 🙂
      Se è piccolina potrebbe essere che è mini 🙂
      Bacio sempre festoso 🙂

      Liked by 1 persona

    4. sidilbradipo1 ha detto:

      La bouganvillea è una villeaona alta un metro e mezzo in crescita, questa primavera dovrò cambiare il vaso: l’attaule spalliera è troppo bassa 😛
      Buon Anno ❤
      Sid

      Liked by 1 persona

    5. Patalano Federica ha detto:

      Fai bene fai bene, e ti ripagherà molto 🙂 già ora lo sta facendo 🙂
      Grazie mille. Buon Annooooo anche a te 🙂

      Liked by 1 persona

  3. eliysa ha detto:

    Me ne hanno regalata una insieme a due “calancole:, Per insieme intendi nella stessa ciotola. Vanno bene o è meglio separarle?

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Ma secondo me vanno anche bene assieme, anche perchè è una pianta che si allarga formando nuove piante, quindi quando avrà riempito tutto il vaso potrai tirarle fuori e dividerle, così da ottenere più vasi, e quindi più piante.
      La ciotola è grande o le vedi già strette al suo interno??

      Liked by 1 persona

    2. eliysa ha detto:

      Secondo me sono un po’ strettine

      Liked by 1 persona

    3. Patalano Federica ha detto:

      Allora in quel caso puoi benissimo dividerle. Mi raccomando, quando si fanno queste operazioni, di usare un vaso mai troppo grande, deve essere poco più grande della circonferenza della pianta.

      Liked by 1 persona

    4. eliysa ha detto:

      Va bene ti ringrazio molto

      Liked by 1 persona

    5. Patalano Federica ha detto:

      Di nulla, figurati.
      Fammi sapere comunque 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...