Laghetto: lavori di primavera e ripresa

Siamo quasi in estate (nonostante il tempo qui su sia bizzarro), ma la primavera è il momento in cui tutto riprende vita.

Le piante.

IMG_6176

I pesci girano in cerca di cibo, la rana è attiva anche lei da inizio marzo.

img_5890IMG_6201

Inoltre le lumache hanno ripreso grande attività, nonostante anche durante l’inverno rimanevano attive.

IMG_6196

Ho provveduto a togliere la copertura del laghetto, e a fare una bella pulita, da alghe e residui sul fondo e tutto ciò che è di troppo. La pulizia generale (05.03.17). Ho fatto una pulita anche al filtro che era intasatissimo.

IMG_6195

Le lumache le ho passate dal secchio al laghetto (07.03.17), sono 6 per ora, una di queste l’ho trovata poi al momento del passaggio della ninfea nel laghetto. Tra l’altro hanno già cominciato a riprodursi.

IMG_6200

Tra l’altro in giro per il laghetto si vedranno anche le uova, specialmente attaccate nella parte inferiore delle foglie di ninfea, e attaccate alle pareti e alle superfici disponibili.

IMG_6410

Il 20 febbraio ormai scampato il pericolo gelate, ho messo fuori dalla serra, la ninfea Marliacea Carnea, nel suo secchio, in giardino.

E dopo di che l’11 marzo ho fatto altri lavori al laghetto: prima di tutto ho passato il vaso della Rotala Indica nello scalino dove era l’anno scorso, e poi ho tirato fuori la ninfea Marliacea dal secchio, ho aggiunto ghiaia fine sulla superficie del terreno, e l’ho inserita nel laghetto.

IMG_6202


Inoltre vista l’attività e le temperature ho dato anche da mangiare ai pesci.


Porto fuori dalla stanza fredda le talee di Rotala, Oenanthe Javanica, Azolla, Lemna.


La Rotala Indica l’ho anche pulita dai rami morti.

E dopo poco tempo, secondo il suo periodo, ha fatto i nuovi germogli.

Inoltre con i rami avanzati è utile farne talee.

Allo stesso tempo, le vecchie talee sono attive.


La Pistia è morta tutta durante l’inverno.

Quando ho portato fuori le talee di Rotala, ho portato anche l’Oenanthe Javanica, e l’ho inserita nel laghetto, e soprattutto lontano dai bordi, dove le lumache di terra la divorerebbero.


Da lontano si scorge qualcosa, e più ci si avvicina più Chietta si vede meglio, la rana del laghetto, ad aprile, ma poi purtroppo non l’ho più vista, già verso fine aprile, sarà tornata al canale fuori per la riproduzione, chi sa se sarà più ospite del mio laghetto, era da quasi un anno che ci stava. Vedremo. Attenderemo fiduciosi novità da Chietta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Intanto la vegetazione, attorno e nel laghetto, cresce (di pochissimo ma cresce), e l’attività si fa più intensa. Iris d’acqua, Saponaria al di fuori, Rotala e Ninfea.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma la ninfea Marliacea solo poi ci delizia con le sue colorite prime foglie.


Comunque parlando di ninfee c’è una piccola novità: dov’è finita la Ninfea Attraction? ovvero la mia prima ninfea??

Beh posso dire che quest’anno il laghetto non è più solo uno. Ma questo è un altro articolo. Lascio solo in anteprima la Attraction.

IMG_6536


Anche la Lemna Major è sbucata fuori nuovamente, se ricordate in inverno era scomparsa (Laghetto: piante sotto ghiaccio, trattamento invernale)

IMG_7305


Parlando di attività, chi meglio di loro può rappresentare questo nel laghetto?

La primavera è anche periodo di amori, ad aprile i miei piccoli pesci rossi hanno incominciato a presentare le caratteristiche classiche. Il maschio presenta i tubercoli nuziali sulle branchie.

IMG_6648
Bolla 07.04.2017

La femmina presenta l’addome gonfio (anche se non ho la piena certezza che Macchia sia femmina, perchè in realtà è sempre stata/o più formosa/o di Bolla).

IMG_6629

Ma abbiamo anche le larve di Damigella, nascoste tra le alghe.

IMG_6409

 

 


Lavori importanti di fine inverno/primavera

-Principalmente la pulizia del laghetto e dei suoi componenti. C’è chi usa togliere pesci, piante, e acqua per fare una pulizia per bene, per poi reinserire il tutto, e i pesci in modo graduale. Io l’ho fatta l’anno scorso quando i pesci avevano preso l’Ictio: Ichthyophtirius Multifiliis: malattia dei puntini bianchi.

-L’inserimento di nuove piante nel laghetto (ma questa è un’operazione che si può continuare a fare per tutta la bella stagione).

-La pulizia, potatura e la divisione delle piante del laghetto.

-Si può cominciare a far talee.

-Quando si arriva a 10° si inizia a dare da mangiare ai pesci.

-Si riportano fuori le piante delicate, come le ninfee tropicali, o piante come l’Eichhornia, la Pistia e via dicendo.

-Va fatta una costante pulizia dalle alghe, dai residui di foglie e altro che cadono nel laghetto.

-La primavera come anche l’estate sono i periodi in cui è possibile inserire anche i pesci nel laghetto.

Il laghetto tiene sempre in attività, c’è sempre qualcosa da fare.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

2 Comments Add yours

    1. Patalano Federica ha detto:

      Grazie mille broccolo&carota 😊

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...