Cocciniglia radicale: piante grasse

Snapshot_12

Accorgersi della presenza di questi parassiti non è azione immediata, a differenza di quelli che se presenti sulla pianta si notano chiaramente. Si nascondono dentro il vaso, attaccati alle radici, finché non arrivano dei segni evidenti di questa infestazione.


Come accorgersi del parassita

Uno dei modi più semplici per accorgersi di questo attacco è al momento del trapianto (Rinvaso cactus), appena acquistata la pianta, poiché è azione d’obbligo, andrà tolta dal vaso, e tutta la terra vecchia andrà eliminata, per cui sarà ben visibile il problema.

Si presentano come filamenti cotonosi, su tutta la superficie radicale.

Snapshot_15

Un altro modo per accorgersi, è notare presenze strane al di sotto dei fori di scolo, quindi fuori dal vaso. E in questo caso, direi che sia ben visibile l’attacco:

IMG_9988

Un altro modo per dubitare della presenza di cocciniglia radicale, è osservare la pianta quando non è momento di trapianto, e se notate una pianta con crescita stentata, e questa situazione si prolunga nel tempo, se non peggiorando, dandovi preoccupazioni, forse potrebbe essere sotto attacco.

Per questo motivo un consiglio importantissimo è quello di trapiantare le succulente almeno una volta ogni 2-3 anni. In modo da monitorare lo stato radicale, e la presenza di parassiti.

Ovviamente questo andrà fatto anche in base alla crescita della pianta, se necessita di un vaso (sempre di poco, 2 cm) più grande.


Rimedi

Un rimedio semplice semplice è quello di eliminare totalmente la vecchia terra.

Dopo di che si può preparare un mix di acqua e sapone di Marsiglia.

Snapshot_13

Si immergono le radici nel preparato e si spennella l’apparato radicale per eliminare la cocciniglia.

Vi lascio al video:

Come avete visto quindi le radici si passano anche sotto l’acqua corrente, in modo da essere ancora più certi di debellare il problema.


Nel caso si abbia una quantità di piante più grande da trattare, una volta svasate si possono immergere nel preparato.

img_9989.jpg

E ad una ad una si spennellano le radici. Dopo qualche tempo di ammollo si possono passare sotto acqua corrente.

E si procede come quando si trapiantano (Rinvaso cactus), ad asciugare per una settimana e anche più, in modo tra l’altro da poter controllare la situazione, e accertarsi che non si ripresentino.

Dopo di che si potrà interrare.

I vasi intanto andranno ripuliti perfettamente, lavati e passati anch’essi con acqua e sapone.


Curiosità

Due anni fa sulle mie Mammillaria HahnianaChamaelobivia, c’era un infestazione di cocciniglia farinosa, ho letto un po’in rete e ho trovato un metodo particolare, quello di inserire la pianta in un sacchetto, e all’interno metterci qualche pallina di naftalina, però io ho usato la canfora, e ho chiuso il sacchetto. Dopo qualche tempo effettivamente i parassiti erano morti.

Quindi il consiglio è quello, quando si riempie il vaso sul fondo con ghiaia o altri inerti, successivamente di sbriciolare o mettere intera un po’di naftalina, o appunto canfora (basta una pallina), poi riempire di terra, e piantare la pianta, in modo da impedire attacchi.


Alternativa

Ma un’altra buona alternativa è quella di lavare le radici in zolfo, oppure in un composto di rame e zolfo, così che le radici siano anche disinfettate e protette da attacchi fungini.

C’è chi usa prodotti chimici per questa operazione, mettendo a bagno le piante nel prodotto, ma io preferisco gli altri metodi, meno aggressivi.


Avventenza

Mi raccomando di non usare sulle piante grasse l’Olio Bianco. Non ha la stessa azione innocua che ha sulle altre piante. Andrebbe a soffocarle, portandole anche alla morte.


Ora non vi resta che salvare le vostre piante dai parassiti.

 

 

Pollice Green
Prodotti e soluzioni naturali contro parassiti e malattie per la cura di orti e giardini
€ 9.9
Annunci

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. newwhitebear ha detto:

    interessante. Le piante succulente non le amo e non le tengo ma le tue spiegazioni sono utilissime.

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Grazie mille. Son felice che le informazioni possano essere utili, e anche d’aiuto.

      Liked by 1 persona

  2. Maria ha detto:

    grazie dei consigli 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Di nulla 😊. Grazie mille a te per essere passata.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...