Universo e riflessione notturna

Sto guardando uno dei miei programmi preferiti, ovvero Universo ai raggi X su Focus, un canale che adoro, dove ci sono programmi che variano da storia a universo, da scoperte a natura.

Ci sono moltissimi bei programmi di cui potrei parlare, ma ora mi dedico a questa profonda e sentita riflessione.

Stanno parlando di Giove, dei suoi immensi campi magnetici dovuti agli strati di metalli che compongono l’interno di questo pianeta. E le aurore boreali che si formano per via di questo campo magnetico.

Ebbene hanno mandato una sonda, cioè Juno, che studia questo campo magnetico.

Ciò per cui mi soffermo a riflettere è questa frase:

“è costata più di un milione di dollari”

Se ci si pensa stiamo parlando di pianeti, di universo, di qualcosa di grande, di scoperte emozionanti (almeno per chi le trova emozionanti, ed io sono tra questi), capisco che si tratti di dimostrare quanto la scienza astronomica dedichi alle scoperte e ammira molto il loro lavoro.


Però appunto, riflettiamo un attimo; ok, ora qui sulla Terra tutto è impostato sul denaro, è diventata una malattia, un ossessione, un’esagerazione!! Eh non se ne può più!! La fuori c’è un universo immenso, inesplorato, i soldi valgono solo qui.

Il mio sfogo non riguarda assolutamente il lavoro astronomico, come ho già detto ammiro molto ciò che fanno, ammiro tutti i programmi che ne riguardano, poiché è una passione questa conoscenza per me, quindi ho preso solo questa frase come spunto di riflessione.

Stiamo parlando di pianeti, qualcosa che si evolve, ma è comunque rimasto intatto, qualcosa di più grande che non butta via la sua esistenza a caccia di denaro. Per mettere insieme Juno ci saranno voluti tutti questi soldi, ma le risorse sono qui sul nostro pianeta, dovrebbero essere di tutti, e i soldi girano qui sulla Terra. No! non vanno su Giove, al contrario di Juno.

È assurdo che la fuori ci sia qualcosa di così grande, tante cose da scoprire e che la gente sulla Terra si sia ridotta ad inseguire denaro.

Come il caso dell’oro e tanto altro! Ma perché toglierlo dalla natura in cui si trova, per crearne chincaglierie, per cosa? Per ricavarne? Soldi?! Soldi!!!!!!

Ma è una risorsa di tutti, è una corsa per il nulla, l’uomo vuole possedere tutto, ogni cosa diventa merce. Si priva la natura di ogni cosa ormai, si cerca dovunque qualcosa per cercare ricchezza. Come i poveri elefanti per l’avorio. Per cosa?? Eh eh eh eh, l’obiettivo principale da cui parte questo atto non è altro che sempre lo stramaledettissimo soldo.

Ma ci rendiamo conto come ci siamo ridotti??

Dei manichini, che inseguono pezzi di carta, distruggendo tutto ciò che ci circonda. La società ha preso una brutta piega, ma forse l’ha sempre avuta questa brutta piega. Non mi piace parlare di soldi, non mi piace sentire parlare o lamentarsi dei soldi, come fossero l’unico motivo di esistenza, ci sono tante belle cose da scoprire attorno a noi.

È bello scoprire e catalogare piante, animali, pietre, metalli, e tanto altro.. tante scoperte, ma è triste che poi è diventata, ed è considerata, tutta merce all’occhio umano. Denaro e possesso, questo è ciò che ai miei occhi appare il desiderio umano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...