Gnomi di Natale fai da te – Riciclo rotoli di carta igienica

Gli Gnomi Natalizi vanno tantissimo in questi ultimi anni, ed il bello è che sono facilissimi da ricreare in ogni modo!! In questo articolo vi spiegherò come crearne di bellissimi con i rotoli esausti di carta igienica, sia la base dello gnomo che la cartapesta (Pasta di carta, Paper Clay, Argilla di carta, Papier Machè, Paper Mache Clay, Pasta de papel).

Snapshot_250


PAPER CLAY CON ROTOLI DI CARTA IGIENICA

Per preparare la Paper clay serviranno semplicemente:

due rotoli di carta igienica esausti
due cucchiai di colla vinilica
acqua calda

Oltre agli utensili necessari tra contenitori, frullatore ad immersione, colino e cucchiaio.

La prima cosa da fare è spezzettare la carta in piccoli pezzi e metterli nel contenitore, versarci sopra l’acqua calda e lasciar ammollare per circa mezz’oretta con coperchio chiuso.

Snapshot_252

Successivamente si possono spezzettare ulteriormente e sfibrare con le mani, e poi frullare insistendo.

Snapshot_254

Infine versare parte del composto nel colino ed eliminare l’acqua in eccesso col cucchiaio, e poi con le mani.

Snapshot_255

Si può mettere la carta frullata in un contenitore, dividerla un po’, aggiungere i cucchiai di colla vinilica e mescolare bene, facendo impregnare la carta, utilizzando infine anche le mani per impastare.


GNOMETTI NATALIZI IN PAPER CLAY

Per lo gnomo invece serviranno

diversi rotoli di carta igienica
la cartapesta ottenuta
della carta
nastro di carta
colla vinilica
forbice
spatola ma se non l’avete va bene un cucchiaio o un coltello

E per ultimare lo gnometto

dei colori (e delle decorazioni a piacimento)
pennelli
lana bianca
e un pettine a denti fini e non troppo larghi

Si può cominciare creando il cappello dello gnomo tagliando il rotolo a triangolo, e la base si può lasciare così, oppure arrotondare, anche solo leggermente; si può modellare come si vuole per ottenere risultati diversi.

Ogni idea darà risultati diversi.

Quindi si può passare su un angolo la carta, strofinandola in modo che diventi flessibile, e dopo si forma il cono e si fissa con il nastro di carta. Il cono va riempito di carta per renderlo robusto, e va fissata con la colla vinilica. Dopo di che si può creare il corpo, prendendo la misura e tagliando dei rotoli di carta dell’altezza che si vuole. Si taglia e si arrotola su se stesso, unendone poi altri, non troppi però poiché dopo dovrà essere posizionato e incollato alla carta nel cappello, e dovrà starci. Dopo averlo incollato si può rifinire aggiungendo pezzi di carta per formare la pancia. La zona sotto il cappello va riempita di carta anch’essa.

Mentre per fare il naso si può appallottolare della carta e incollarla ad un altro pezzo di carta quadrato mantenuto integro, si richiude all’interno e tutta la carta avanzata deve andare sul retro del naso, ed è proprio quella che va incollata sul corpo alla base del cappello dello gnomo (se è troppa la carta sul retro ovviamente si può tagliare).

Si possono creare anche i piedi allo stesso modo.

Lo “scheletro” dello gnometto quindi è pronto. Non rimane che applicare la pasta di carta!

Snapshot_257

Consiglio di cominciare dalla base dello gnomo, la parta piatta, e poi pian piano attaccare i pezzetti sempre vicino alla carta già applicata e proseguire; riempire anche la parte sotto il cappello; coprire il naso e poi tutto il cappello.

Snapshot_258

Snapshot_259Si può anche aggiungere un filo di lana ad anello, mentre si applica la Paper Clay, per far in modo di creare uno gnometto da appendere (all’albero ad esempio).

 

 

Lo strato di base è applicato! La punta del cappello si può lasciare così, oppure aggiungendo dei pezzi di Paper Clay si può curvare, anche qui: spazio alla fantasia!!

Snapshot_260

Adesso bisogna rifinirlo, formare la pancia, fare i bordi del cappello e le pieghe sopra il naso, il tutto aggiungendo Paper Clay (se ti interessa puoi vedere tutto il procedimento sul video del mio canale YouTube che troverai in fondo all’articolo).

Snapshot_261

Dopo aver terminato tutte le rifiniture si può lasciar asciugare per 1-2 giorni ma anche più. Va appoggiato in piedi su un piano, e quando asciutto si può stendere per far asciugare anche la base.

IMG_3373


COLORAZIONE

Una volta asciutto bene si può colorare come più piace. Ho utilizzato i colori a tempera, ma potete usare quelli che preferite, inoltre questi gnometti sono da interno, non vanno esposti alle intemperie all’esterno poiché non sono impermeabili e resistentissimi.

Snapshot_262

La barba si può creare con la lana, arrotolando un po’di filo attorno a due dita, e legandolo con un pezzo di lana più piccolo. Infine si può pettinare per renderla simile alla barba; oppure dopo aver legato si può semplicemente sfilare ognuno dei fili per renderla riccia. Per la barba degli gnomi più piccoli invece bisognerà avvolgere la lana attorno alla lama della forbice e fare qualche giro di filo.

Per applicarla basta riempire la zona sotto il naso e di poco ai lati, di colla vinilica e attaccarla, inoltre lavorando la lana con il pettine si formeranno dei filamenti, ne ho usato un piccolo pezzo che ho lavorato con la mano, da applicare dove si vede il filo che lega la lana, proprio sotto il naso.

Infine si può preparare un piccolo pompon (per quelli più piccoli avvolgendo il filo attorno alla lama della forbice) e applicare anch’esso con la colla vinilica in cima al cappello.

Snapshot_265

Gli gnometti sono finalmente pronti per essere messi in giro per casa!

Snapshot_251

Che ne pensate? Vi piacciono??

Vi lascio allegato il video su Come fare gli Gnomi Natalizi che ho pubblicato sul mio canale YouTube, e mi raccomando iscrivetevi se non lo siete.

 

Buon Natale a tutti!!

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. newwhitebear ha detto:

    interessante.
    Buon Natale

    Piace a 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Grazie mille in ritardo!

      Piace a 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Grazie Alessia 😃

      Piace a 1 persona

  2. elisabettafvg ha detto:

    Se mi piacciono? Gli adoro! Grazie dell’idea riciclosa. Sembra feltro…e non lo è! Scherzetto! 🙂 Geniale. Pronta a riciclare cartonato per l’anno nuovo. Buon Anno Federica.

    Piace a 1 persona

    1. Patalano Federica ha detto:

      Sono felicissima che ti piacciano Elisabetta 😊 ma dai, pensa che ho pensato al discorso del feltro solo dopo che me l’hai detto. È vero 😁
      Grazie mille.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...